Occhiali da Vista Arise Collective Alessandro B3 OIGoOhOPe

SKU174736
Occhiali da Vista Arise Collective Alessandro B3 OIGoOhOPe
Occhiali da Vista Arise Collective Alessandro B3
Il numero 1 in Europa per la moto e il tempo libero
Usa l'opzione "La mia moto" come filtro per velocizzare la ricerca di articoli tecnici. Leggi di più...
Seleziona la tua moto

Il mio Louis: le tue moto sempre a portata di clic!

Ulteriori informazioni

Le tue moto sempre a portata di clic con "Il mio Louis" Vuoi accedere sempre comodamente e velocemente alla tua selezione di moto? Salvala nell'area "Il mio Louis" e potrai consultare i dati dei tuoi veicoli da qualunque dispositivo, computer, tablet o smartphone che sia. Salvare in e caricare da "Il mio Louis" sostituisce il rispettivo elenco delle tue moto.
Per poter utilizzare questa funzionalità, devi innanzitutto accedere all'area "Il mio Louis".
Occhiali da Vista Arnette Ashland AN 7127 41 hDZ7GeKH
Occhiali da Vista Vogue VO 4086 5078 z3W4Hpk
Vuoi cambiare il vecchio login?

Accedi in futuro con la tua e-mail e una password a tua scelta.

Cambia subito
Nuovo cliente di Louis?

Registrati subito e fai il pieno vantaggi.

Registrati subito
Santorini
Consiglio: puoi vedere tutti i luoghi salvati in I miei viaggi.
Posta in arrivo
Accedi per ricevere aggiornamenti sui viaggi e inviare messaggi ad altri viaggiatori.
REGISTRATI
Posta in arrivo
Altro
“sorprendente”
Recensione di 1260 Ceramic studio
16 foto
+30 2286 082423
Sito web
E-mail
“sorprendente”
Santorini | Fira - Perissa Avenue Cross Akrotiri , Megalochori 847 00, Grecia
23 recensioni
|
Posizione n. 8 di 16
Per aiutarti negli spostamenti a Megalochori, ecco il nome e l'indirizzo di questa struttura nella lingua locale:
Nome locale 1260 Ceramic studio
Indirizzo locale Σαντορίνη , διασταύρωση Ακρωτηρίου, Μεγαλοχώρι , 847 00
Indicazioni
Stampa
Montatura occhiali da vista Epos Zeus 46 22 150 BK hoya lens clear KdwFV
in classifica su 16 Cose da fare a Megalochori
23 recensioni
Occhiali da Vista Guess GU 2593 090 uDKyr5
, Occhiali da vista per donna Bulgari BV2142B 278 calibro 52 LTwaltA
, Occhiali Da Sole Round Basic Marca Isurf Unisex Rotondi Trasparenti Effetto Legno marrone Trasparente Ga7ZrtETL
, BANANA REPUBLIC Montatura occhiali da vista BUFFY 0JPZ Nero/Corno 53MM t4JzNZQbe
, Occhiali da Vista Sting VST108 0AAT GbBTOWdex
Meno di 1 ora
Thaumasios
Pignone, Italia
1501 502
Recensito 14 settembre 2015
Thaumasios Pignone, Italia
Recensito 14 settembre 2015
sorprendente

Sulla strada per le spiagge a scendere e per Ìa a salire il laboratorio-negozio del maestro Yanis, accompagnato da Marina merita visita c8n spiegazione da parte loro su come si realizza un piatto, un bicchiere, un vaso semplice o raffinato che sia. Yanis è disponibile a insegnare e poi mettere alla prova i visitatori - allievi sotto la sua efficace regia. Alla fine possibilità di cottura e colorazione del piatto, con anche spedizione a domicilio per cifre oneste del capolavoro realizzato con lui. Da provare!

Chiedi a Thaumasios in merito a 1260 Ceramic studio
Grazie, Thaumasios
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Aggiornamento elenco in corso…
Scrivi una recensione Recensioni (23)
MOSTRA LE RECENSIONI CHE CITANO
Filtra
Filtra recensioni
23 recensioni

1 - 5 di 23 recensioni

Questo sito web utilizza i cookie per assicurare una migliore esperienza di navigazione, oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di profilazione utente e cookie di terze parti. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed esprimere il tuo consenso accedi alla pagina Occhiali da Vista Oakley OX1091 TAUNT 109114 qTJGlk
- Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Questo sito contribuisce all'audience di
login
Occhiali da Vista Tom Ford FT5494 055 L9i3qk
Occhiale da Vista Ray Ban RX 7140 2012 Jsm3Is7w
di Filippo NERI - Enciclopedia Italiana (1933)

ISOLATORI . - Sono quegli organi che servono a "isolare", a mantenere cioè elettricamente separati (nel senso - non assoluto - che normalmente si suol dare a tale notazione), in tutte le evenienze di esercizio più facilmente realizzabili, due conduttori tra i quali esista o possa esistere una differenza di potenziale. A costituire un isolatore in senso generale possono impiegarsi praticamente tutte le sostanze o materiali isolanti, solidi, liquidi, gassosi; nell'accezione comune peraltro si riserva il nome d'"isolatore" ai complessi realizzati con sostanze solide (porcellana smaltata, vetro, quarzo, bakelite, carta bachelizzata, ecc.) o, in qualche caso, con sostanze solide e liquide (olî minerali) o semifluide (miscele, ) aventi opportune relazioni di posizione tra loro.

Dal punto di vista dell', gl'isolatori possono suddividersi in due grandi categorie: e , la suddivisione stessa essendo ovviamente giustificata dal fatto che gl'isolatori per esterno sono soggetti a condizioni ambientali (pioggia, neve, sbalzi di temperature, ecc.) ai quali non sono soggetti o lo sono in minor misura quelli per interno. Nell'una e nell'altra categoria possono poi ancora distinguersi isolatori e isolatori , i primi essendo destinati a , i conduttori sotto tensione; gli altri a permettere il dei conduttori stessi attraverso pareti di muratura, metalliche o di altra natura.

Ulteriori suddivisioni, dovute alle modalità specifiche d'uso o di montaggio possono poi concepirsi, in seno alle categorie menzionate.

Il tipo più semplice d'isolatore è il tipo portante per interno la cui costituzione appare con sufficiente chiarezza dalla fig. 1. La sua sagomatura conviene che sia la più semplice possibile, la superficie esterna liscia o pochissimo tormentata allo scopo di rendere più difficile il depositarsi e il permanere della polvere e del sudiciume, e di facilitare la periodica lavatura e pulizia. Isolatori così semplicemente conformati non si presterebbero però per isolare conduttori installati all'aperto (per es., conduttori di linee di trasporto di energia); sotto la pioggia, invero, essi si coprirebbero di un velo liquido superficiale , di resistenza relativamente limitata, e l'isolamento della linea, non appena la lunghezza di questa superasse certi limiti, scenderebbe a valori praticamente intollerabili.

È quindi necessario per isolatori destinati a essere montati all'aperto, sagomare la superficie esterna in modo particolare, allo scopo di evitare, nei limiti del possibile, che la superficie stessa possa essere bagnata dalla pioggia, anche inclinata, e rompere così la continuità del velo liquido al quale si è prima accennato. È sostanzialmente questa esigenza che ha indotto a dare la caratteristica forma quasi ombrelliforme , o agli isolatori per esterno (con riferimento al tipo di gran lunga più usato, che trova il suo impiego nell'isolamento dei conduttori delle linee aeree) dal tipo più modesto destinato alle linee telegrafiche e telefoniche (fig. 2) a quelli più importanti usati nelle condutture con tensioni fino a qualche decina di migliaia di volt (figg. 3, 4 e 5). Isolatori di questo tipo vengono di solito costruiti in un sol pezzo, sino a quando le dimensioni non superino certi limiti, al di là dei quali conviene, in parte per ragioni inerenti alla fabbricazione e in parte all'esercizio, ricorrere alla costituzione a (figg. 3 e 4). L'isolatore è allora costituito da due o più pezzi separati () le quali vengono poi, sempre in fabbrica, riunite tra loro a mezzo opportunamente dosati e trattati con particolari cautele.

Questo tipo d'isolatore, detto anche per la sua stessa costituzione e in quanto impedisce ogni movimento dal punto d'attacco del conduttore a esso ammarrato, copre praticamente la gamma di tensioni che si estende fino ai 40 ÷ 50 kV; per tensioni superiori la tecnica odierna preferisce, salvo casi eccezionali, far ricorso a isolatori di tipo diverso, così detti a , che ragioni economiche, in parte, di sicurezza di esercizio dall'altro, indicano come complessivamente più convenienti. Tali isolatori possono concepirsi nati dalla convenienza di avere un unico elemento tipo, facilmente associabile, in guisa da dare la possibilità di costituire, di volta in volta, l'isolatore necessario, in relazione alla tensione alla quale si deve far fronte.

Schematicamente, l'elemento dell'isolatore a catena è costituito (figura 6 ) da una formella isolante (realizzata in porcellana, vetro, quarzo, ecc.), e da due membrature metalliche , a esso solidamente fissate, le quali opportunamente sagomate, consentono l'accoppiamento di più elementi tra loro, e la formazione della (fig. 6 ) alla quale il conduttore viene, poi, fissato con apposita morsetteria (fig. 7).

Fermo rimanendo il concetto informativo, gl'innumerevoli tipi di elementi differiscono tra loro sostanzialmente per il modo col quale i singoli fabbricanti sagomano la parte isolante e, soprattutto, conformano e fissano a essa le membrature metalliche. I tipi da noi quasi esclusivamente usati sono quelli cosiddetti (figg. 8 e 9), un'ulteriore specificazione tra i quali può ancora farsi in vista soprattutto dell'artificio col quale il fabbricante fissa il perno metallico alla parte isolante (con o senza cemento o leghe metalliche). Cura costante dei costruttori è in ogni caso di sottrarre nei limiti del possibile, la porcellana (che rappreta il materiale di gran lunga oggi più usato) agli sforzi di trazione, a sostenere i quali essa male si presta. Spesso sulle catene di isolatori in esercizio (figure 7 e 11) vengono montati i cosiddetti il cui scopo essenziale è quello di dagli elementi gli archi, spesso assai nutriti, che possono formarsi per accidentalità di esercizio e che per effetto termico possono danneggiare, ove li investano, gli elementi stessi. A tale scopo vengono talora anche usate semplici (fig. 11 ); l'un dispositivo e l'altro servono anche di protezione al conduttore, contro gli effetti termici degli archi. Gli anelli di guardia, ove siano opportunamente proporzionati, determinano anche una migliore distribuzione del potenziale lungo la catena, di regola assai disuniforme, risultando, più sollecitati in servizio normale, gli elementi più vicini al conduttore.

Con la notevole estensione che in questi ultimi tempi hanno preso gl'impianti di sottostazioni (di trasformazione) all'aperto, e con la conseguente adozione di apparecchiatura adeguata a tal genere d'installazioni i costruttori di isolatori hanno dovuto risolvere il problema del portante , anche nel campo in cui domina, con riferimento alle linee di trasmissione, l'isolatore a catena. Le soluzioni date al problema stesso, derivano sostanzialmente o dalla possibilità d'irrigidire con speciali attacchi metallici a flangia le catene normalmente usate in linea (fig. 10 ) o dalla possibilità di creare delle colonne di porcellana, opportunamente e abbondantemente nervate (fig. 10 ), allo scopo d'impedire che la pioggia bagni completamente la superficie dell'isolatore. A tale scopo, l'azione delle nervature stesse può essere convenientemente aiutata da veri metallici (fig. 10 ).

Problemi di natura in parte diversa e, almeno fino a un certo segno, più precisabili sono quelli che si presentano negli , in quei complessi, cioè, destinati a permettere a un conduttore di attraversare una rispetto alla quale il conduttore stesso abbia una certa differenza di potenziale; problema della più grande importanza pratica se si riflette che esso, ancor più che nell'attraversamento di pareti vere e proprie in muratura (-, -) si presenta con tutte le sue difficoltà nei trasformatori, e nell'apparecchiatura in genere (interruttori e simili) dove lo spazio è sempre, per necessità di cose, limitato, riguardo alle tensioni, spesso altissime, in gioco. Schematicamente, il problema da risolvere è quello graficamente indicato in fig. 12, ove conduttore e parete hanno la reciproca posizione che normalmente si riscontra in pratica; la sollecitazione nel dielettrico, supposto omogeneo, è allora massima in vicinanza del conduttore e va diminuendo (con leggi che ipotesi semplificative permettono anche di determinare) via via che ci si avvicina alla parete.

Salvo i casi di modestissima importanza di tensioni molto basse, nei quali il dielettrico aria risulta già sufficiente a resistere alla sollecitazione massima e il passante non offre sostanzialmente nessuna nuova caratteristica, che non sia quella di poter essere concepito come l'unione, base contro base, di due portanti gemelli, si tende sempre, per ovvie ragioni, a quelle soluzioni che conducono al minimo ingombro dell'attraversamento il che si consegue, oltre che con una giudiziosa scelta del rapporto tra i raggi del conduttore e del foro della parete, usando come isolante da interporre tra l'uno e l'altra una sostanza che abbia la più alta rigidità dielettrica possibile.

L'olio minerale si presta in modo particolare a risolvere il problema oltre che dal punto di vista sopra menzionato, per il fatto che essendo fluido elimina ogni possibilità di formazione di interni, di veli o bolle gassose (a piccola rigidità) in corrispondenza delle quali, specie se situate in vicinanza del conduttore, dove i gradienti assumono i più alti valori, possono provocarsi effluvî o scariche locali. Ben inteso, a contenere l'olio deve intendersi predisposto un involucro stagno (di solito di porcellana) il quale, nei riguardi della configurazione e delle dimensioni fuori parete, va ancora proporzionato coi criterî valevoli per gli isolatori portanti (per interno o per esterno a seconda dei casi); a rendere possibili le variazioni di volume che subisce l'olio al mutare della temperatura, si predispone, di solito in alto, un piccolo recipiente (di vetro) che compie a un tempo la funzione di serbatoio di espansione e di livello di spia (figura 13). All'olio possono sostituirsi miscele opportunamente studiate (fluide generalmente a caldo, semifluide o solide alla temperatura ordinaria) con rigidità dielettriche anche notevolmente superiori a quelle dell'olio stesso, e vantaggiose per questo stesso fatto, in quanto consentono un'ulteriore riduzione delle dimensioni radiali; esse non posseggono peraltro le favorevoli particolarità dell'olio, legate sostanzialmente alla sua fluidità, la quale assicura, come si è detto, l'eliminazione della possibilità di formazione di vuoti interni, e una più energica refrigerazione accompagnata da una maggiore uniformità di temperatura in seno alla massa isolante, a causa dei moti convettivi interni.

Comunque si scelga il mezzo isolante, però, se questo è omogeneo, come può con sufficiente approssimazione considerarsi nella maggior parte dei casi citati, si ha sempre un cattivo sfruttamento del materiale e soprattutto dello spazio, a causa della notevole disuniformità delle sollecitazioni alle quali il materiale stesso, a diverse distanze dal conduttore, è sottoposto (sollecitazioni decrescenti dall'asse verso i bordi). A un miglioramento radicale si perviene, uniformizzando radialmente il gradiente, il che si consegue in modo praticamente perfetto nei passanti cosiddetti . L'artificio che qui si segue consiste nel costituire lo strato isolante che circonda il conduttore e che lo separa dall'orlo interno della parete con tanti cilindri isolanti concentrici (realizzati generalmente in carta bachelizzata), di spessore di solito costante, separati tra loro da sottili superficie metalliche. L'altezza degli uni e delle altre va di regola decrescendo dall'asse del passante verso i bordi, e la legge di variazione è diversa (paraboloidica o lineare), a seconda che si voglia conseguire la sola uniformizzazione del gradiente radiale o di quello superficiale o di entrambi, nel quale ultimo caso le superficie metalliche prima menzionate hanno configurazioni o costituzioni particolari.

I complessi così realizzati, e che costituiscono la parte sostanziale del passante, vengono poi solitamente protetti nella parte esposta all'aria o con tubi di bakelite nel caso che il passante sia per interno (fig. 14) o con involucri di porcellana sagomati con le citate avvertenze quando il passante è per esterno (fig. 15).

Vedi anche
Pubblicità
Altri risultati per ISOLATORI
isolatore

CONTATTI

Chiamaci al: +39 02 47 92 12 51
Scrivici via Email: Occhiali da Vista Liu Jo LJ2678 421 NbYGH

Partner

CHI SIAMO

ORARI

ORARI NEGOZIO FISICO

Chiuso il Lunedì

Dal Martedì al Venerdì 09:30 - 12:30, 13:30 - 18:00

Sabato 09:00 - 14:00

ORARIO TELEFONI

Dal Lunedì al Venerdì 09:00 - 12:30, 13:30 - 18:00

Sabato 09:00 - 14:00

(Italiano, Inglese, Spagnolo, Francese e Tedesco)

RESTA CONNESSO

Occhiali da Vista Arise Collective Carmine B211 NEy3s
Twitter YouTube Occhiali da Vista Burberry BE2251 3635 BqwKkyfTEz

REGISTRATI E RISPARMIA

Iscriviti alla nostra mailing list: Occhiali da Vista Swarovski SK 5118 068 8314w5U6

Copyright © Tennis Warehouse Europe. Tutti i diritti riservati.

VISITA I NOSTRI NEGOZI SPORTS WAREHOUSE Tennis Warehouse Occhiali Da Vista Alain Mikli Al 0854 Colore 0087 Nuovi Originali Con Fattura ggXeH
Running Warehouse Occhiali da Vista CK 5918 204 BbUP5BXg
Running Warehouse Australia Skate Warehouse Occhiali da Vista Ray Ban Jajo RX 6392 2968 2F7Vd9p
Occhiali da Vista Miu Miu MU 02RV ROK1O1 oJKImr
Ice Warehouse Occhiali da Vista Ralph Lauren RL6166 5634 O3aRiu0cz
Occhiali da Vista Kenzo KZ 4225 C01 0MiaBrb8
Occhiali da Vista Bvlgari BV 4061B 5231 3X6AWTa8s
Occhiali da sole sportivi da GOMMA Johnnies COOL Tonalità da CLUB OCCHIALI DA FESTA Arancione neon U7H18
Montatura Da Vista Oakley Tipster 54 Blu Sconto 50 fBKgzT